MELA LIMONCELLA

alt

 

Di antica coltivazione, di origine sicuramente italiana, questa mela veniva coltivata diffusamente nell’Italia centro Meridionale ed in alcune regioni è ancora presente (Campania, Abruzzo). Si era diffusa anche in Umbria per la sua buona capacità di conservazione. L’albero è mediamente vigoroso, è a chioma espansa; fiorisce tardi e quindi adatto alle zone con gelate tardive. Mediamente rustico, si adatta bene nei terreni poco fertili. Il frutto è medio piccolo, di forma cilindrico-conica allungata; la buccia è gialla, con lenticelle rugginose rade e emerse. La cavità peduncolare è profonda e stretta, la cavità calicina è poco profonda, aperta e pieghettata. La polpa è bianca, acidula, croccante e molto profumata. Viene raccolta in ottobre e si conserva in fruttaio per essere consumata da novembre a febbraio- marzo. Diffusa in molte zone del centro e del sud Italia era pregiata per la sua serbevolezza. In Umbria veniva anche chiamata Polsella o Cannella per la sua forma, che ricorda un piccolo cilindro o cannello. Secondo Mattioli alcune mele sbucciate e libere da i semi, insaporite con cannella e chiodi di garofano, possono essere sciroppate nel vino.

Su questo Portale si utilizzano cookie tecnici per migliorare l'esperienza di navigazione e sono presenti servizi di terze parti (attinenti alle pagine "social" di Facebook, Twitter e Google) che potrebbero utilizzare cookie di profilazione. Se procedi nell'utilizzo del Portale in qualunque maniera (click, scorrimento, pressione del link "chiudi", ecc.), accetti esplicitamente l'utilizzo dei cookie presenti.